TRADIZIONI USI E COSTUMI

Maratea, ricordi e intrecci di comunità con la festa dei libbani

la statua del cristo redentore sul colle

Maratea capitale della cultura insieme a Matera 2019. La cittadina lucana presenta “Ri-corda – intrecci di comunità, la festa dei libbani”. Tre giorni tra musica, narrazioni, laboratori, arte e passeggiate naturalistiche. Protagonisti sono artisti, musicisti, designer con l’Open Design School di Matera 2019. In questi giorni e fino al 25 aprile, anche Maratea perla del Tirreno lucano diventa capitale europea della cultura. L’evento è ideato dall’associazione Liberi Libri ed è coprodotto dal Comune di Maratea con Fondazione Matera Basilicata 2019. L’iniziativa rientra nel progetto diMatera capitale europea della cultura 2019”, che consente ai paesi della Basilicata di diventare protagonisti delle attività progettuali materane.

il manifesto dell'evento di maratea

Maratea ospita l’evento “Ri-corda – intrecci di comunità”

Ri-corda è dedicato al tema del dossier di Matera 2019 “Futuro Remoto” per ipotizzare nuovi modelli di sviluppo per il futuro, attraverso la riscoperta e la valorizzazione di pratiche antichissime. Ri-corda – intrecci di comunità si snoda in tre giorni di eventi dedicati al recupero delle tradizioni, della memoria e del patrimonio culturale. Si tratta di un viaggio nell’antica lavorazione dei libbàni, le tipiche corde vegetali. Gli appuntamenti spaziano fra musica, narrazioni, arte e passeggiate naturalistiche.

una veduta aerea della costa

Il progetto è un percorso di sperimentazione e ricerca per condividere e riscoprire l’arte dell’intreccio delle piante dei “tagliamani”. Grazie a questa iniziativa cittadini e visitatori, rivivranno attraverso attività di diverso genere, ogni fase della lavorazione delle fibre vegetali. Le ultime libbànare ancora viventi narreranno un passato che ‘Ri-corda -intrecci di comunità’ vuole rievocare. La ‘raccolta’ sarà l’occasione per un trekking alla scoperta del territorio. La ‘bagnatura’ un tempo di attesa, di ristoro e di riflessione. La ‘mazzoccolatura’ un laboratorio di percussioni e l’intreccio un gioco di storie e ‘cuntastorie’.

Maratea, perla del Tirreno lucano

La tre giorni di eventi programmati per ‘Ri-corda – intrecci di comunità” darà l’opportunità di riscoprire il centro storico di Maratea. La città antica si erge sulla cima della montagna di San Biagio, comunemente chiamata dai marateoti ‘Castello’. Una zona ricca di storia dove nessuno vive più ma dove si staglia maestosa la gigantesca statua del Cristo Redentore, realizzata nel 1965.

la statua del cristo

Grazie ai tanti eventi antropologici e partecipativi sull’arte dei libbani, si intende valorizzare il patrimonio culturale locale di Maratea. L’obiettivo è quello di recuperare l’antica storia dei luoghi con la promozione di possibili attività di artigianato locale. In quest’ottica sono già attivi a Maratea i laboratori di comunità, che proseguiranno anche dopo l’evento. Ciò, in modo da rendere consapevole il territorio di tale patrimonio e tramandarne le tecniche di lavorazione.

La festa dei libbani

Proiezione di documentari, laboratori, reading, trekking, laboratori musicali e tanto altro ancora. Ogni iniziativa ricorderà l’antica lavorazione delle fibre (i libbani appunto) così come avveniva in passato nel territorio marateoto. Gli artisti cantastorie raccoglieranno i racconti dai partecipanti. Si lavorerà sulla narrazione orale unendo insieme all’intreccio materiale anche quello dei racconti. Così come usavano fare le donne di Maratea quando intrecciavano i fili d’erba sottili per renderli corde.

locandina evento maratea

Le libbanare chiacchieravano, raccontavano storie, condividevano saperi. Durante i tre giorni dell’evento artisti e designer reinterpreteranno l’utilizzo delle corde vegetali. Progetti, prototipi e installazioni saranno espressione e visione trasversale. Tra questi anche l’Open Design School, laboratorio di sperimentazione e innovazione interdisciplinare,nonché uno dei progetti pilastro del programma di Matera 2019.

Il gran finale

Giovedì 25 aprile, il centro storico di Maratea diventerà palcoscenico della grande festa dei libbani con spettacoli, mostre e passeggiate fra i vicoli del borgo.

il centro di maratea

In programma la visita guidata alla scoperta della storia e della bellezza di Maratea, sovrastata dalla grande statua del Cristo Redentore. Prevista anche l’inaugurazione della mostra di prototipi, manufatti e installazioni allestita al museo di Palazzo De Lieto. L’esposizione museale presenterà i progetti nati dalle riflessioni di artisti e designer. In piazza Buraglia, in pieno centro storico, andrà in scena uno spettacolo di piazza, in cui ‘mazzoccolatura e intreccio’ saranno la musica e il ritmo delle storie del tempo antico riscoperto.

(Foto Facebook Maratea Turismo/ Visit Maratea)

Maratea, ricordi e intrecci di comunità con la festa dei libbani ultima modifica: 2019-04-23T10:35:54+02:00 da Maria Scaramuzzino

Commenti

To Top