La Via Francigena lucana tra percorsi e sentieri - itMatera

itMatera

ITINERARI PAESAGGI

La Via Francigena lucana tra percorsi e sentieri

Via Francigena

Via Francigena lucana in una delle 11 regioni attraversate da questo itinerario, con un forte potenziale turistico, ancora non completamente espresso. Molti “camminatori” che amano il turismo esperienziale, stanno riscoprendo questo tratto di un itinerario che è europeo.

Via Francigena lucana

Importante al riguardo il lavoro dell’Associazione Reti Vie Francigene della Basilicata (ARVFB).  Si vogliono promuovere degli itinerari come quello ad esempio di Sigerico in Lucania. Sono stati stretti importanti accordi di collaborazione a livello nazionale, fra questi uno con l’Associazione Europea delle Vie Francigene ed un altro con la Società Geografica Italiana. Importante è l’adesione ad AEVF per lo sviluppo della Via Francigena del Sud e per sostenere il progetto europeo della Francigena in generale.

Via Francigena lucana - Terra Lucana e percorso

La Regione Basilicata è quindi accanto ad altre regioni come Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Liguria, Toscana, Lazio, Puglia. E’ evidente dalla storia degli ultimi anni che il turismo culturale in Basilicata sta acquisendo un peso crescente all’interno del sistema economico locale. Si tratta di un settore strategico per lo sviluppo territoriale. La decisione di partire per un viaggio, non può prescindere dall’avere una meta da raggiungere.

Sentieri in Basilicata

A volte più che una meta, c’è il piacere di percorrere determinati sentieri, fermarsi in una locanda e assaporare il panorama con gli occhi. Le caratteristiche ambientali che ci dividono dal punto di arrivo e i mezzi di cui pensiamo di servirci oggi sono fondamentali. Del resto, definiscono regole organizzative e spirito dell’itinerario. l’atto di raggiungere la meta a piedi presuppone la presa di coscienza, la volontà di confrontarsi con se stessi, immersi in un territorio e di dedicare al “cammino” una parte del nostro tempo.

Via Francigena lucana- Via Francigena Lucana con tabrlla

Pensiamo che in quei momenti qualcosa possa cambiare in meglio in noi. La Francigena ed i cammini rappresentano quindi una grande opportunità per supportare nuove forme di sviluppo sostenibile. L’impegno quotidiano alla guida delle loro comunità che stanno profondendo i sindaci, nell’offrire servizi adeguati alle attività imprenditoriali collegate al turismo non è cosa trascurabile.

Via Francigena lucana e turismo spirituale

Tutto ciò senza tralasciare la cultura come motore per lo sviluppo lucano. A Forenza, in provincia di Potenza, da tempo ci si sta dando molto da fare per far conoscere a livello nazionale ed internazionale le diverse testimonianze del barocco locale. Percorrere tratti della via Francigena tra le chiese barocche, vuol dire anche conoscere le vie cristiane dell’antico pellegrinaggio, quelle più importanti e antiche. Parliamo comunque di un cammino che da Roma va a Gerusalemme e viceversa.

Via Francigena lucana- Trekking In Gruppo lungo il sentiero

La parte sud del Lazio e le regioni Molise, Campania, Basilicata e Puglia, è evidente che hanno un grandissimo patrimonio da offrire in questi tratti di strada. Si può anche andare a curiosare sul sito dell’Associazione Europea delle Vie Francigene, per avere un’idea del tracciato. Questo percorso, in futuro potrà essere davvero uno strumento di riposizionamento strategico del Vulture-Alto Bradano. Il famoso itinerario religioso-turistico che ricordiamo, parte dall’Inghilterra ed offre notevoli opportunità per il futuro del turismo esperienziale.

Trekking in Basilicata

Ha già portato un certo tipo di turismo in costante crescita. Vi sono anche diversi casi di imprese incubate, diventate successivamente realtà imprenditoriali di tutto rispetto con interessante penetrazione nei mercati esteri. Non c’è solo però la Via Francigena, bensì guardiamo a quell’insieme di percorsi ed itinerari, come l’asse stradale Grumentum-Potentia-Venusia– che costituisce l’aggancio più importante dell’Herculea. Anticamente ovvero nel Medioevo questa via si identificava come l’arteria lucana più attiva non solo per il traffico commerciale e per il collegamento delle più antiche diocesi della Lucania, ma anche per la diffusione del Cristianesimo e per i pellegrinaggi verso il santuario di San Michele del Gargano, come pure Venosa, importante civitas longobarda che, tra VII e IX secolo, diviene luogo di sosta e di assistenza lungo questo itinerario di pellegrinaggio che collegava il versante tirrenico a quello adriatico. Buon viaggio!

La Via Francigena lucana tra percorsi e sentieri ultima modifica: 2023-01-24T08:12:00+01:00 da simona aiuti

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
1
0
Would love your thoughts, please comment.x