itMatera

CULTURA LO SAPEVI CHE

Gabriel Zuchtriegel, un tedesco diventato italiano a Matera

Gabriel Zuchtriegel - foto del neo direttore

Gabriel Zuchtriegel, un nome difficile da pronunciare per noi italiani. Eppure è molto italiano anche lui. Per la sua neo nomina, Matera ha motivo di esultare in questi giorni; e forse un po’ tutta la Basilicata. Infatti è stata accolta con entusiasmo la nomina di Gabriel Zuctriegel a direttore del complesso degli scavi di Pompei.

Gabriel Zuchtriegel

Zuchtriegel, già direttore del Parco Archeologico di Paestum, in provincia di Salerno, ha completamente abbracciato il nostro Paese e l’ha fatto passando dalla terra lucana. Nato a Weingarten, nel Baden-Wurttemberg, il 24 giugno 1981, all’epoca della Germania Est, il dott. Zuchtriegel ha la doppia cittadinanza: italiana e tedesca. Laureatosi in Archeologia classica, preistoria e filologia greca a Berlino, ha conseguito con lode il dottorato di ricerca in Archeologia classica all’Università di Bonn.

Gabriel Zuchtriegel - Pompei e arena per spettacoli
Una veduta del Parco Archeologico di Pompei

Evidentemente però l’Italia era nel suo destino. Appena l’anno scorso, ha preso la cittadinanza italiana giurando a luglio 2020 davanti al sindaco di Matera, dove aveva già la residenza. Zuchtriegel dal 2015 è stato anche direttore generale del Parco archeologico di Paestum e Velia; in pratica è stato uno dei manager autonomi della prima ora della riforma Franceschini. Come esperienze di docenze in Italia, c’è stata quella alla Federico II a Napoli. Zuchtriegel annovera anche quella all’Università della Basilicata.

Zuchtriegel e Paestum

Inoltre Zuchtriegel è stato anche borsista del Programma Feodor Lynen/Fondazione Alexander von Humboldt. Nondimeno, la sua neo designazione, senza dubbio costituisce motivo di enorme soddisfazione anche per l’Università della Basilicata. Ciò dimostra il grande valore scientifico e professionale del corpo docente e della didattica offerta nelle strutture lucane.

Gabriel Zuchtriegel - Pompei e il Fast Food antico
Il termopolio, il fast food dell’antichità, recentemente scoperto nella zona degli scavi a Pompei

Ha espresso una certa soddisfazione anche la Rettrice dell’Università della Basilicata, Aurelia Sole, che ha commentato così la nomina: “Zuchtriegel, è il più giovane tra i venti nuovi direttori scelti per guidare altrettanti musei e siti archeologici italiani. Sembra essere l’uomo giusto per l’entusiasmo e la preparazione”. Il professionista è stato negli ultimi due anni anche docente a contratto nel corso di studio in Operatore dei Beni Culturali; Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo: Architettura, Ambiente, Patrimoni Culturali – DiCEM) dell’Università della Basilicata. Lo è stato in sostituzione temporanea del professore Massimo Osanna, soprintendente di Pompei.

Parco archeologico di Pompei

Il neo direttore del parco archeologico di Pompei si è anche voluto sposare in Italia a Roscigno vecchia; luogo estremamente suggestivo. Tra l’altro padre già di una bambina, Zuchtriegel ha anche avuto dalla moglie un maschietto nato qui in Italia. Il dott. Zuchtriegel in passato si è occupato di progetto di ricerca triennale sulla colonizzazione greca lungo la costa Ionica. Autore di numerose pubblicazioni, ha vinto anche il premio Ravenna nel 2019. Dal 2020, alla direzione del Parco di Paestum, si è aggiunto anche quello di Velia, entrambi nella lista dell’Unesco.

Gabriel Zuchtriegel - Pompei e un affresco da restaurare
Un affresco in via di restauro

L’incarico appena ricevuto per Pompei, significa soprattutto guidare una squadra d’altissimo livello. Non solo raccontando la bellezza, ma anche per le eccellenze del Paese Italia. Questo prestigioso incarico costituirà sicuramente un’ulteriore occasione di collaborazione. Lo sarà tra il Museo da lui diretto e l’Università dove è di casa, con la Scuola di Archeologia cui egli è fortemente legato.

(Foto pagina Facebook del Parco archeologico di Pompei)

Gabriel Zuchtriegel, un tedesco diventato italiano a Matera ultima modifica: 2021-02-26T05:59:07+01:00 da simona aiuti

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
To Top