CULTURA VALORI

Ritorni e partenze nell’Italia dei margini: chi emigra e chi rimane

manifesto del documentario

Storie di ritorni e partenze nell’Italia dei margini. Questo il fil rouge del documentario “Vado verso dove vengo” che narra il complesso intreccio tra le esperienze di vita di chi emigra e di chi rimane nel paese natìo.

Ritorni e partenze, le comparse del documentario vado verso dove vengo

“Vado verso dove vengo” sarà presentato per la prima volta giovedì 2 maggio al Teatro Margherita di Bari. All’incontro saranno presenti il regista Nicola Ragone e il direttore artistico del progetto “Storylines – The Lucanian Ways” e autore del documentario Luigi Vitelli.

Ritorni e partenze

Ritorni e partenze nell’Italia dei piccoli paesi che si sta svuotando. Un momento storico particolare, in cui l‘emigrazione ha raggiunto i livelli della metà del secolo scorso. Eppure, a fronte delle persone che vanno via, c’è gente che torna e sviluppa nuove soluzioni. Ritorni e partenze per modulare progetti, per riabitare nelle aree fragili del nostro Paese. Il documentario “Vado verso dove vengo” fa riflettere più attentamente più approfonditamente su queste tematiche.

Ritorni e partenze, una casa diroccata in un paese spopolato

L’idea è quella di trovare un nuovo destino per le aree interne italiane. Inserito nella programmazione ufficiale del Bifest 2019, il documentario verrà proiettato in anteprima mondiale il 1 maggio al Multicinema Galleria, sempre a Bari. Il 4 e il 5 maggio il documentario sarà presentato a Matera, al cinema ‘Il Piccolo’ per poi iniziare il suo tour nei festival internazionali di cinema.

Vado verso dove vengo

Da New York ad Aliano, da Londra a Castelmezzano, “Vado verso dove vengo” raccoglie storie di vita e voci di esperti che narrano il senso del partire e il senso del restare. Nel lavoro filmato si parla degli abbandoni e dei ritorni nei piccoli paesi dell’Italia dei margini. Piccoli centri dove emigrazione e spopolamento sono grandi emergenze da risolvere.

una sedia e una giostra in una campagna desolata

Il documentario su ‘ritorni e partenze’ è un crocevia di testimonianze di un universo esploso in mille schegge e tante ombre. Un mondo da riscoprire per trovare un nuovo destino ai luoghi che potrebbero scomparire. Paesi che rischiano di non avere più nulla da raccontare; con nessuno che vuole più tramandarne la storia e le tradizioni. Trame da cui bisogna ripartire per riabitare l’Italia e ricucire un nuovo legame tra piccoli paesi e grandi città, tra centro e periferia, tra comunità locali e flussi globali.

La partnership internazionale


“Vado verso dove vengo” è una pellicola che fa parte del progetto di Matera Capitale Europea della cultura 2019 Storylines – The Lucanian Ways”. Il lavoro filmato è co-prodotto dall’associazione Youth Europe Service, dalla Fondazione Matera-Basilicata 2019, co-finanziato dalla Lucana Film Commission e con il sostegno del fondo etico di Bcc Basilicata

il set del documentario vado verso dove vengo che sarà presentato a matera

Storylines” vede come project leader Youth Europe Service, guidato dalla direzione amministrativa di Antonino Imbesi e dalla direzione artistica di Luigi Vitelli. L’iniziativa culturale si avvale della collaborazione di un partenariato composto da Mediterraneo Cinematografica (partner di produzione), Allelammie (partner tecnico) e Simbdea (partner scientifico).

(Foto Facebook Vado verso dove vengo)

Ritorni e partenze nell’Italia dei margini: chi emigra e chi rimane ultima modifica: 2019-04-29T10:15:08+02:00 da Maria Scaramuzzino

Commenti

To Top