I MATERANI RACCONTANO MATERA

itMatera

PERSONAGGI STORIE

Raffaella Pippa, una ricercatrice lucana negli Stati Uniti

Raffaella Pippa La Ricercatrice

La dottoressa Raffaella Pippa, research assistant all’Università Thomas Jefferson di Philadelphia ne ha fatta di strada, da quando bambina lasciò la Basilicata.

Raffaella Pippa

Raffaella Pippa, oggi membro dell’ISSNAF, lasciò la Basilicata a 11 anni, direzione Parma, dove si è laureata in biologia. La dottoressa Pippa ha fatto poi il suo PhD a Barcellona; esperienza a quanto pare molto formativa. Importante poi l’esperienza all’Università scozzese di Dundee.

Raffaella Pippa - Ricerca Italiana con i moderni microscopi

Oggi si trova negli Usa, tra il Mount Sinai a New York e presso la Jefferson di Philadelphia. Secondo la scienziata italiana, la qualità dei ricercatori italiani non ha nulla da invidiare agli americani, e questo ci inorgoglisce. Cionondimeno, dopo la laurea, l’idea di qualche contratto annuale rinnovabile non erano la migliore delle prospettive. La dottoressa Raffaella ha lasciato l’Italia ormai da molti anni e, a quanto pare senza guardarsi indietro.

Raffaella Pippa - Pass per l'evento annuale isnaff dedicato ai migliori ricercatori

Tornare a lavorare in Italia significherebbe dover avere l’abilitazione professionale per essere ricercatori indipendenti, quindi per ora meglio gli States. Secondo la dottoressa ormai statunitense d’adozione, la ricerca italiana è ottima, però servono molti più fondi.

Pom 121

La ricerca ha bisogno sempre di donazioni e fondazioni che s’impegnino nella scienza che studia e che necessita di anche di tempi lunghi. Talvolta si corre il rischio di scoraggiarsi, ma quando arrivano dei risultati, la soddisfazione è grandissima. Orbene, originaria di Venosa, la ricercatrice italiana è diventata oggi un’importante ricercatrice, che, insieme ad un team di esperti, è stata selezionata per gli Issnaf Awards 2018. Si tratta di premi dedicati alle eccellenze italiane che vivono in Nord America.

Ambasciata italiana in USA
L’ambasciata italiana a Washington

E’ l’ambasciata italiana di Washington che ogni anno ospita l’evento che premia le eccellenze. Tra l’altro, l’evento gode dell’Alto Patronato del Capo dello Stato Sergio Mattarella e, per l’occasione, i ricercatori presentano i loro lavori e ricevono i riconoscimenti. I finalisti sono circa quindici, tuttavia solo cinque sollevano il premio ambito. La ricerca della dottoressa di origini lucane,  porta il nome di “The role of Mitf in prostate cancer aggressiveness”.

Raffaella Pippa e la ricerca contro il cancro

Ovvero, “Il ruolo di Mitf nell’aggressività del cancro alla prostata”, e si concentra in modo specifico sul trattamento del cancro alla prostata con metastasi. La “mission” è quella di sconfiggere le attuali resistenze della malattia, indebolendo l’azione della proteina “Pom121”. Tutto ciò dovrebbe portare a colpire diverse forme di cancro.

Raffaella Pippa foto della ricercatrice della basilicata
Raffaella Pippa

Davvero una carriera invidiabile quella di Raffaella, soprattutto per i grandi risultati che i pazienti attendono. Insomma, un laboratorio con molti ricercatori può essere una fonte d’ispirazione indicibile. Inoltre, il successo della dottoressa Pippa, figlia della Basilicata, ci ricorda quanto il territorio lucano sia ricco di risorse umane. Non possiamo non essere fieri di questa brava ricercatrice, a cui facciamo i complimenti. Venosa soprattutto ne è sicuramente orgogliosa, poiché grazie a questo talento il nome della regione Basilicata acquista grande fama. 

fonte foto – Twitter

Raffaella Pippa, una ricercatrice lucana negli Stati Uniti ultima modifica: 2019-10-25T08:30:45+02:00 da Simona Aiuti
To Top